Settimana sociale: Gatti (vicepresidente Comitato), “occorre monitorare il dibattito parlamentare”

“Occorre monitorare il dibattito parlamentare che accompagnerà, ad esempio, al Senato l’iter della Legge di bilancio 2018. Seguire con maggiore attenzione e costanza la produzione normativa italiana ed europea in materia di lavoro, ma anche in materia di tecnologie digitali, di fiscalità, di banche, di ambiente. E poi contribuire ad un’applicazione corretta e coerente delle norme una volta approvate”. È il cammino tracciato da Sergio Gatti, vicepresidente del Comitato scientifico e organizzatore della 48ª Settimana sociale dei cattolici italiani, in un’intervista al Sir in cui traccia un bilancio dell’evento conclusosi domenica. Il vicepresidente individua quattro passaggi: “approccio culturale, scelta politica, elaborazione normativa, applicazione coerente e ben organizzata”. “La sfida è impegnativa”, riconosce, ma “con gradualità si potrà dare il proprio contributo”. Riguardo alle 400 “buone pratiche” raccolte nel cammino verso Cagliari, Gatti annuncia che presto potranno formare un “Album dell’intrapresa”. “Dobbiamo valorizzare quelle raccolte e selezionate – spiega – e precisare le ‘lezioni’ che da esse si traggono”. “Nell’ultima pagina dell’Instrumentun Laboris – aggiunge – si indica già una strada che si basa sul metodo sperimentato con successo”. E per dare continuità al percorso della 48ª Settimana sociale, “è importante conoscere e utilizzare a livello locale i materiali, le risorse che sono a disposizione di tutti: il sito, la app, la mostra itinerante, l’Instrumentum Laboris con le sue trenta mosse, il docufilm” e “anche gli interventi del premier Gentiloni, del presidente Tajani, del ministro Poletti e del senatore Sacconi come fonti informative e come documenti da interpretare”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia