Austria: Corte costituzionale autorizza matrimonio omosessuale. “Divieto di discriminazione legato al principio di uguaglianza”

“Con una decisione del 4 dicembre, la Corte costituzionale ha annullato le disposizioni legali che in precedenza negavano l’accesso al matrimonio alle coppie omosessuali”: è la notizia che pubblicano stamane tutte le testate austriache. “La Corte costituzionale apre al matrimonio omosessuale”, titola DerStandard.at, con titoli simili che rimbalzano sulle altre testate online. La decisione della Corte si fonda sul “divieto di discriminazione legato al principio di uguaglianza”. Sarà quindi possibile per due uomini o per due donne sposarsi in Austria, a partire dal 1° gennaio 2019. Il riesame della Corte è nato dal ricorso presentato da due donne, la cui unione era già registrata, ma che avevano fatto domanda di matrimonio presso le autorità di Vienna: la richiesta era stata respinta. La sentenza della Corte rende anche possibile la “registrazione di unioni civili per coppie eterosessuali”. Helmut Graupner, l’avvocato delle due donne, ha scritto su Facebook: “Abbiamo vinto su tutta la linea”. La Corte costituzionale austriaca “è la prima a cancellare un divieto di matrimonio per coppie dello stesso sesso” riconoscendolo come “diritto umano fondamentale”. “Con un battito di ciglia della Corte arriva il matrimonio per tutti”, constata il Kronen Zeitung.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa