Legalità: Vaccari (Commissione antimafia), “le organizzazioni criminali si sono inserite nelle falle della normativa sull’azzardo”

“Le organizzazioni criminali sono riuscite a entrare nell’azzardo non solo perché girano un sacco di soldi, ma perché la normativa, dal 2003 ad oggi presenta molte falle, nelle quali le mafie hanno saputo inserirsi e adattarsi in modo tale che la loro presenza non fosse notata o, addirittura, legalizzata attraverso prestanome”. Lo ha denunciato, stamattina, Stefano Vaccari, coordinatore del X Comitato della Commissione parlamentare antimafia, intervenendo alla presentazione a Roma del dossier promosso dal Cnca su “azzardo e mafie”. Vaccari, dopo aver citato l’indagine “Black Monkey” della Dda Bologna, incentrata su Nicola Femia, ha ricordato i cinque ambiti delle 23 proposte del X Comitato della Commissione antimafia di modifica normativa: “Barriere all’ingresso, revisione delle sanzioni penali e amministrative, rafforzamento delle misure antiriciclaggio per la tracciabilità delle vincite, politiche antimafia e ruolo delle autonomie locali, una nuova governance del settore”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa