Papa Francesco: a Tv2000, “non è Dio a indurci in tentazione ma Satana”

Nella preghiera del “Padre nostro” Dio che ci induce in tentazione “non è una buona traduzione. Anche i francesi hanno cambiato il testo con una traduzione che dice ‘non mi lasci cadere nella tentazione’ sono io a cadere, non è lui che mi butta nella tentazione per poi vedere come sono caduto, un padre non fa questo, un padre aiuta ad alzarsi subito”. Lo afferma Papa Francesco, nella settima puntata del programma “Padre nostro”, condotto da don Marco Pozza, in onda su Tv2000 domani 6 dicembre alle ore 21.05. Francesco dialoga con il giovane cappellano del carcere di Padova, don Marco Pozza, nell’introduzione di ogni puntata. Il programma, nato dalla collaborazione tra la Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede e Tv2000, è strutturato in nove puntate, ogni mercoledì, nel corso delle quali don Marco incontra anche noti personaggi laici del mondo della cultura e dello spettacolo. Nella settima puntata ospite il filosofo, Umberto Galimberti, per il quale “il cristianesimo, con la storia della vita eterna, ha messo in circolazione un ottimismo che non esiste nelle altre culture, nel mondo musulmano c’è il fatalismo e nel mondo buddista c’è anche la forma di passività”. “L’Occidente – prosegue Galimberti – è diventato quello che è diventato solo ed esclusivamente grazie all’ottimismo cristiano e questo ottimismo consiste nella divisione del tempo in questa modalità: il passato è male, cioè il Peccato Originale, il presente è redenzione, e il futuro è salvezza”.
Dall’incontro, dalle parole e dalle risposte del Papa a don Marco è nato anche il libro ‘Padre nostro’ di Papa Francesco della casa editrice Rizzoli e la Libreria Editrice Vaticana. “Quello che ti induce in tentazione – conclude il Papa – è Satana, quello è l’ufficio di Satana”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa