This content is available in English

Ue: nove nuovi siti “che simboleggiano gli ideali europei” fra cui città, chiese, sinagoghe, campi di concentramento

La chiesa di Javorca in Slovenia

(Bruxelles) Alla vigilia dell’Anno europeo per il patrimonio culturale, nove nuovi siti che “celebrano e simboleggiano gli ideali, i valori, la storia e l’integrazione europea” hanno ricevuto da un comitato indipendente il “Marchio del patrimonio europeo”. Sono Leipzig, con nove luoghi legati al patrimonio musicale (Germania), il complesso della sinagoga a Budapest (Ungheria), il Forte Cadine a Trento (Italia), la chiesa di Javorca (Slovenia), il campo di concentramento di Natzweiler e i suoi “campi satellite” (Francia e Germania), il Memoriale delle vittime del comunismo e della resistenza a Sighetu Marmației (Romania), il Bois du Cazier, la miniera di carbone di Marcinelle, dove morirono 262 persone nel 1956 (Belgio), la cittadina di Schengen dove sono nati gli accordi di libero scambio per l’Ue (Lussemburgo) e la città di Maastricht (nei Paesi Bassi) dove fu firmato il noto Trattato Ue. Questi nove siti andranno ad aggiungersi agli altri 29 già identificati negli scorsi quattro anni. “L’Unione europea si fonda su valori come la pace, la libertà, la tolleranza, la solidarietà, valori che non devono essere dati per scontati, ma per cui dobbiamo lavorare ogni giorno”, ha dichiarato il commissario per l’istruzione e la cultura, Tibor Navracsics, annunciando la notizia. Tutti questi siti “promuovono questi valori e ci ricordano chi ha lottato per stabilirli e preservarli”. La cerimonia ufficiale di consegna del riconoscimento si terrà nel marzo 2018 in Bulgaria.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa