Diocesi: Trento, il 16 e il 23 febbraio due serate di approfondimento sulle disposizioni anticipate di trattamento

Due serate per approfondire la legge, approvata nel dicembre scorso, che introduce le disposizioni anticipate di trattamento. Si svolgeranno il 16 e il 23 febbraio, alle 20.15, nell’oratorio del duomo di Trento. L’iniziativa è organizzata dalla Consulta diocesana di pastorale della salute, in collaborazione con il Centro per le Scienze religiose della Fondazione Bruno Kessler. Interverranno due medici, una filosofa e un teologo. Al primo appuntamento, il 16 febbraio, parteciperanno Elena Bravi, direttore dell’unità operativa di Psicologia clinica dell’Azienda sanitaria per il servizi sociali (Apss) di Trento, Lucia Galvagni, filosofa e bioeticista del Centro per le Scienze Religiose della Fondazione Kessler, ed Edoardo Geat, direttore del dipartimento di Anestesia e Rianimazione della Apss. Il 23 febbraio parola a padre Carlo Casalone, medico, docente di teologia morale e membro della Pontificia Accademia per la vita, che presenterà la “visuale cristiana sulla nuova legge sulle Dat”. “I due incontri – si legge in una nota della Consulta – da una parte, intendono favorire una maggiore conoscenza della legge stessa e di alcuni snodi problematici; dall’altra, una lettura dell’argomento non soltanto in una visuale tipicamente cristiana ma, prima ancora, secondo i criteri classici di un’etica patrimonio dell’intera umanità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo