Mezzogiorno: De Vincenti (ministro Coesione territoriale), “obiettivo è creare 100mila giovani imprenditori in tre anni”. Con “Resto al Sud 5.600 domande in meno di un mese”

“L’obiettivo che ci siamo posti è quello di creare 100mila giovani imprenditori in tre anni”. Lo ha detto il ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, in occasione della firma del protocollo tra l’Anci e Invitalia, oggi pomeriggio, a Palazzo Chigi, a Roma. Un accordo che punta a sostenere la nascita di nuove imprese innovative promosse da giovani e donne, soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno, attraverso il programma “Resto al Sud”. “In meno di un mese dall’apertura della piattaforma informatica di Invitalia abbiamo 5.600 domande in compilazione – ha annunciato il ministro –. È una misura che non ha un click day. Si rivolge a giovani che vogliono presentare i loro progetti”. Il ministro ha anche annunciato che “si sta allargando l’arco delle banche che sottoscrivono la convenzione con Invitalia per fornire il credito bancario a tasso zero ai giovani che vogliono fare impresa”. “Lo hanno fatto casse rurali e grandi banche nazionali. La misura sta dimostrando le sue potenzialità. Adesso grazie all’impegno dei sindaci e dei Comuni rafforziamo attività di sostegno ai giovani che vogliono fare impresa e che con l’aiuto di Invitalia vogliono mettere a punto le attività imprenditoriali”. Durante la conferenza di presentazione del protocollo, De Vincenti ha comunicato anche lo stato di altri interventi per il Mezzogiorno. “Tra aprile e il 31 dicembre sono stati realizzati 4 miliardi di nuovi investimenti per le imprese al Sud grazie al credito di imposta. Sbloccare gli investimenti nelle infrastrutture per il Mezzogiorno è quello che stiamo facendo con i patti per il Sud: cantieri aperti per un valore di 9 miliardi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo