Diocesi: Perugia, all’Oratorio “L’Astrolabio” giovedì 19 un incontro dedicato a bullismo e cyberbullismo

Sensibilizzare sui rischi e le opportunità del web per i giovani, ma anche dare ai genitori – e agli adulti in generale – la possibilità di captare alcuni campanelli d’allarme rispetto al fenomeno del cyberbullismo, è l’obiettivo di “Genitori & figli nella rete: incontro testimonianza sul tema del bullismo e cyberbullismo”, in programma giovedì 19 aprile, alle ore 21, all’Oratorio “L’Astrolabio” della parrocchia San Giovanni Apostolo in Ponte d’Oddi di Perugia. Organizzato in collaborazione con la cooperativa Pepita onlus, con la partecipazione dell’Ufficio diocesano di pastorale giovanile, all’incontro interverranno Paolo Picchio, presidente onorario della Fondazione Carolina onlus, e Ivano Zoppi, presidente di Pepita onlus. L’incontro, rivolto a ragazzi, genitori, alunni ed insegnanti, prevede interventi e testimonianze di coloro che si sono impegnati per l’approvazione delle legge 71/2017 sulle nuove disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del cyberbullismo entrata in vigore il 18 giugno 2017.
Secondo una ricerca condotta da Pepita onlus su mille ragazzi tra i 9 e i 17 anni in ottanta oratori e centri estivi in tutta Italia, il 71% dei giovani sostiene di non aver mai assistito a fenomeni di cyberbullismo, contro un 28% che ammette di aver assistito a tali episodi. In Italia, su cinque ragazzi, tre ammettono di aver subito bullismo, dato in aumento rispetto al passato. “Venendo meno le interazioni fisiche, superate da quelle virtuali – commenta il presidente di Pepita onlus -, i giovani faticano a limitare i loro comportamenti eccessivi, forti del potere dello schermo che fa loro credere di essere in qualche modo protetti. I ragazzi hanno disattivato la capacità di apprendere come si sente l’altro attraverso i segnali del suo corpo e le espressioni del viso. Spetta a genitori, insegnanti ed educatori offrire alternative e contesti perché queste qualità vengano allenate”.
La Fondazione Carolina onlus è nata in ricordo di Carolina Picchio, prima vittima di cyberbullismo a cui è dedicata la legge 71/2017. La Fondazione si occupa di sostegno nei settori dell’assistenza sociale, socio sanitaria, e nell’istruzione in favore di bambini e ragazzi coinvolti in casi di cyberbullismo e di fenomeni illegali sulla rete web, oltre che un intervento di sensibilizzazione sui rischi e le opportunità del web.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo