Migrazioni: Commissione Ue, “protezione frontiere per garantire sicurezza interna e Schengen”

(Strasburgo) Sono due i capitoli del bilancio Ue cui assegnare maggiori fondi per il periodo di programmazione finanziaria 2021-2027, illustrati oggi dalla Commissione Ue a Strasburgo. Il primo è la protezione delle frontiere esterne dell’Unione. “Una protezione efficace delle frontiere esterne è fondamentale ai fini della gestione della migrazione e per garantire la sicurezza interna. È grazie a delle frontiere esterne solide, inoltre, che l’Ue – sostiene l’esecutivo – può mantenere uno spazio Schengen senza controlli alle frontiere interne”. La Commissione propone di assegnare 21,3 miliardi di euro per la gestione delle frontiere in generale, e di creare un nuovo Fondo per la gestione integrata delle frontiere (Integrated Border Management Fund) per un valore di oltre 9,3 miliardi di euro. Il secondo capitolo è quello più propriamente inerente alla migrazione, intesa come una “politica solida, realistica ed equa”. La Commissione propone in questo caso di aumentare i finanziamenti per la migrazione del 51%, fino a raggiungere 10,4 miliardi di euro nel quadro del rinnovato Fondo Asilo e migrazione (Asylum and Migration Fund). “Il Fondo sosterrà gli sforzi degli Stati membri in tre settori chiave: asilo, migrazione legale e integrazione, lotta alla migrazione illegale e rimpatrio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa